+39 02.4048930 | Via Rembrandt 22 20148 Milano
+39 039.2100835 | Via Carlo Prina 6, 20090 Monza
+39 02.9754938 | Via Garibaldi n. 22a, 20010 Boffalora Sopra Ticino

News&Events

Intestazione temporanea veicolo

Documento unico di circolazione

DECRETO LEGISLATIVO 29 maggio 2017, n. 98 

Vediamo in estrema sintesi cosa cambierà dal 1° gennaio 2020

Dal 1° gennaio 2020 la Carta di Circolazione redatta secondo la Direttiva n. 1999/37/CE del Consiglio europeo costituisce il documento unico contenente i dati di circolazione e di proprietà dei veicoli

Le carte di circolazione e i certificati di proprietà, anche in formato elettronico, rilasciati anteriormente al 1° gennaio 2020, mantengono la loro validità.  Qualora divenga necessario provvedere alla loro nuova emissione, essi sono sostituiti dal documento unico.

Oggi: Libretto di circolazione e Certificato Proprietà

 

Domani: Documento unico di circolazione e di proprietà

La carta di circolazione costituisce il documento unico, nel quale saranno annotati:

  1. i dati tecnici del veicolo
  2. i dati di intestazione del veicolo
  3. i dati relativi alla situazione giuridico-patrimoniale del veicolo;
  4. i dati relativi alla cessazione del veicolo dalla circolazione conseguente alla sua demolizione o alla sua definitiva esportazione all’estero.
  5. i  dati  relativi alla  sussistenza  di  privilegi   e   ipoteche,   di   provvedimenti amministrativi e giudiziari che incidono  sulla  proprietà  e  sulla disponibilità del  veicolo,  annotati  presso  il  PRA,  nonché  di provvedimenti  di  fermo  amministrativo

Il soggetto interessato presenta istanza di rilascio del documento unico in sede di prima immatricolazione o di reimmatricolazione o del suo aggiornamento conseguente al trasferimento della proprietà del veicolo presso qualsiasi Sportello Telematico dell’Automobilista (STA)

I dati relativi alla situazione giuridico-patrimoniale dei veicoli, alla sussistenza di privilegi e ipoteche, provvedimenti amministrativi e giudiziari, provvedimenti di fermo annotati al PRA , sono annotati nel primo riquadro inferiore del retro della carta di circolazione.  Tali dati contengono la specificazione della natura dell’atto, del gravame o provvedimento e la relativa scadenza o, in assenza, la data di costituzione di adozione.

Istanza di rilascio del documento unico

La richiesta di rilascio del Documento Unico viene presentata mediante la presentazione di una ISTANZA UNIFICATA.

Quale documentazione da produrre per un passaggio di proprietà

Come di consuetudine ci si dovrà presentare presso uno Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) con i seguenti documenti:

  • Libretto di circolazione
  • Certificato di proprietà o certificato di proprietà digitale
  • Documento identità del venditore e dell’acquirente

Qualora sia già stato precedentemente emesso il documento unico ovviamente si dovrà presentare solo questo documento che, come detto, raccoglie i dati della circolazione e della proprietà.

La documentazione da presentare per effettuare un passaggio di proprietà rimane invariata rispetto al passato, tuttavia dobbiamo considerare che è in atto un processo innovativo di smaterializzazione documentale.

L’atto di vendita è, e rimane, un documento obbligatorio che deve essere firmato dal venditore della vettura. La sottoscrizione della dichiarazione di vendita avverrà in maniera digitale, ovvero la firma dovrà essere apposta su un dispositivo (tavoletta o tablet).

Nella carta di circolazione di seguito denominata «documento unico», sono altresì annotati:

  • i dati relativi alla cessazione del veicolo dalla circolazione conseguente alla sua demolizione o alla sua definitiva esportazione all’estero.
  • i dati relativi alla sussistenza di privilegi e ipoteche, di   provvedimenti amministrativi e giudiziari che incidono sulla proprietà e sulla disponibilità del veicolo, annotati presso il PRA, nonché’ di provvedimenti di fermo amministrativo

Concludendo

  1. L’automobilista sarà agevolato nel tenere a bordo un solo documento anziché due
  2. I due archivi così interconnessi dovrebbero risolvere il problema circa la certezza e la garanzia che l’intestatario del veicolo sia effettivamente anche il proprietario, agevolando di conseguenza anche il lavoro delle pubbliche autorità sia su strada che in caso di verbali di accertamento d’infrazioni o altro.
  3. Per il momento non si è riusciti a ridurre il costo relativo ad imposte e tasse necessarie per effettuare un’immatricolazione di un veicolo nuovo o di un passaggio di proprietà di una vettura usata. Rimaniamo ancora fiduciosi!

Questi sono solo alcuni semplici passaggi di quello che avverrà dal 1 gennaio 2020. Torneremo sicuramente a breve in argomento.

Devi effettuare il passaggio di proprietà del tuo veicolo?