• Informazioni
  • Cosa occorre
  • Approfondimento

L’articolo 94, comma 4-bis, del Codice della Strada (introdotto dalla legge n. 120/2010) costituisce una normativa chiave che regola l’intestazione temporanea dei veicoli. Questa disposizione prevede l’annotazione sulla carta di circolazione dell’utilizzatore che ha la disponibilità del veicolo per un periodo superiore a trenta giorni, quando tale utilizzo è a favore di un soggetto diverso dall’intestatario stesso. Scopo principale di questa norma è garantire certezza nella individuazione del responsabile della circolazione dei veicoli, potenziando la tutela degli interessi di ordine pubblico già previsti dall’articolo 93, comma 2.

Casi in cui richiedere l’annotazione dell’Utilizzatore:

1. Comodato d’Uso Gratuito: Nel caso in cui si decida di prestare il proprio veicolo a titolo gratuito per un periodo superiore a trenta giorni, è necessario richiedere l’annotazione dell’utilizzatore sulla carta di circolazione.

2. Accesso Zona Traffico Limitato (ZTL): Situazioni comuni si verificano quando si presenta una richiesta al Comune per ottenere un permesso che consenta l’accesso a una zona a traffico limitato. In questo caso, l’annotazione dell’utilizzatore diventa fondamentale.

3. Eredi in Attesa di Accettazione dell’Eredità: Nel caso in cui gli eredi utilizzino il veicolo per periodi superiori a trenta giorni mentre sono in attesa di accettare formalmente l’eredità, è necessario richiedere l’annotazione.

Documentazione Necessaria

Per avviare il processo di annotazione dell’utilizzatore sulla carta di circolazione, è fondamentale essere in possesso della documentazione corretta. Per una guida dettagliata sulla documentazione necessaria, ti invitiamo a consultare l’apposita sezione qui di fianco dedicata sul nostro sito web. Troverai informazioni complete su cosa occorre per ciascuna situazione specifica, garantendo una procedura senza intoppi.

In conclusione, comprendere e seguire correttamente l’articolo 94, comma 4-bis, del Codice della Strada è essenziale per garantire la conformità legale durante situazioni di intestazione temporanea. La nostra organizzazione, con la sua lunga esperienza, è pronta a fornire assistenza e consulenza professionale per facilitare questo processo, assicurando la corretta gestione di adempimenti burocratici legati alla mobilità e ai trasporti.

Per trascrivere il comodato d’uso occorre:

Procedura per l’Appuntamento

Dopo aver preparato la documentazione necessaria, puoi tranquillamente prendere un appuntamento presso i nostri uffici per avviare la procedura di trascrizione del comodato. La nostra organizzazione, con la sua lunga esperienza e professionalità dal 1989, garantisce un servizio rapido e competitivo. Abbiamo reso conveniente affidarsi a noi anziché gestire da soli le complesse pratiche burocratiche.

Puoi richiedere un preventivo, fissare un appuntamento direttamente qui di fianco. Siamo qui per semplificare e rendere efficiente il processo per te.

Sono esentati dall’obbligo i componenti del nucleo familiare, purché conviventi. E’ però fatta salva la facoltà di richiedere comunque l’aggiornamento della carta di circolazione.


VARIE CASISTICHE VEICOLI AZIENDALI

  • Veicoli di proprietà di Case costruttrici concesse in comodato, per periodi superiori ai 30 giorni, a soggetti esterni alla struttura organizzativa d’impresa (es. giornalisti, istituzioni pubbliche, ecc.) per esigenze di mercato o di rappresentanza connesse a particolari eventi;
  • Veicoli in disponibilità di Aziende, concessi per periodi superiori a 30 giorni in comodato d’uso gratuito (esclusivo e continuativo) ai propri dipendenti, soci o dirigenti.

Sono esentati i veicoli che vengono concessi con Fringe Benefit o Uso promiscuo

Prestito a titolo gratuito di un veicolo di massa complessiva a pieno carico inferiore o uguale a 6 tonnellate, immatricolato in uso proprio e utilizzato dal comodatario per il medesimo uso.

Durata superiore a 30 giorni (uso esclusivo e continuativo)

Non è ammesso il sub-comodato.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
CHIAMA IL NUMERO